Investire nei Mercati Emergenti

Problemi ed opportunità delle società brasiliane

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese, Tedesco, Spagnolo

È indubbio che il Brasile ha dei problemi da risolvere, alcuni dei quali già illustrati nel mio blog precedente e le notizie più recenti hanno causato picchi di volatilità del mercato. È impossibile fare previsioni precise sull’esito della situazione politica in Brasile, ma sapendo quanto poco i mercati gradiscano l’incertezza, è probabile che la situazione nel paese rimanga alquanto difficile ancora per qualche tempo. Ciò non significa che non esistano opportunità di investimenti di lungo termine. Non possiamo ignorare i fattori macroeconomici di un particolare paese, ma siamo investitori bottom up e prendiamo in considerazione le singole società, con le loro prospettive specifiche. Voglio ora condividere le mie osservazioni su alcune delle numerose società che ho visitato recentemente in Brasile insieme al mio team, i loro problemi attuali e come siano impegnate a risolverli. Il nostro compito è selezionare le società in cui nutriamo fiducia, che siano in grado di sopravvivere e prosperare quando la situazione nel paese sarà migliorata—cosa che riteniamo succederà con il tempo.

Esportazioni: il motore della crescita

In un quadro generale di dati nazionali piuttosto deprimenti, abbiamo constatato che le esportazioni sono particolarmente brillanti per molte società brasiliane. Insieme al mio team, ho potuto visitare una fabbrica di carrozzerie per autobus che ha sede in Brasile ma opera e produce in tutto il mondo. Non ci ha sorpreso apprendere che il contesto era molto difficile, in quanto la domanda era crollata e non vi erano prospettive di ripresa immediata. La redditività era stata intaccata e l’indebitamento della società era aumentato vertiginosamente. L’impossibilità di accedere al credito è un problema molto importante per il settore, ma il paese ha bisogno di un numero maggiore e di migliori mezzi di trasporto, per cui la società riteneva che nel lungo termine la domanda di autobus fosse destinata ad aumentare. Da un punto di vista più positivo, la svalutazione della valuta brasiliana, il real, ha aiutato la crescita delle esportazioni e i dirigenti della società erano più ottimisti sull’impulso che i mercati esteri avrebbero dato all’attività.

Visiting an auto parts plant in Brazil.
Visita a un impianto di componenti per auto in Brasile

Abbiamo inoltre cercato maggiori informazioni sul settore automobilistico in Brasile visitando una fabbrica di componenti per auto. Abbiamo raggiunto gli impianti viaggiando su una superstrada con cinque corsie, di proprietà e gestita da un’altra società, che avremmo a sua volta visitato. Durante il tragitto l’autista è passato da tre caselli, a ognuno dei quali ha pagato 10 real, corrispondenti a circa 2 dollari statunitensi. La creazione di caselli per il pagamento dei pedaggi è interessante in quanto diventa una questione politica. Quando un casello è situato al di là di un’area densamente popolata, gli autisti cercheranno di uscire da una strada a pedaggio, evitando così di pagare. Abbiamo scoperto che su una strada solo l’8% degli utenti paga i pedaggi, mentre su un’altra lo paga circa il 40%. Siamo rimasti sulla superstrada e abbiamo pagato tutti i nostri pedaggi, riscontrando che era in condizioni eccellenti, fiancheggiata da una gradevole campagna verde e da alcune piantagioni di eucalipto. La superstrada attraversa una zona montuosa ed è stata costruita con terrazze su entrambi i lati per evitare smottamenti di fango.

Quando siamo arrivati alla fabbrica di componenti per auto, il direttore finanziario ci ha raccontato la storia della società, che produce pistoni, anelli per pistoni, alberi a gomito, filtri per l’aria e l’olio e componentistica varia sia per fabbricanti di pezzi originali (OEM) che per l’industria delle riparazioni auto. I processi comprendono la fusione a caldo di parti grezze in acciaio e alluminio, che poi vengono lavorate meccanicamente fino alle tolleranze più strette. Quest’ambiente della fabbrica era caldo e sporco e gli operai colavano i metalli bianchi bollenti negli stampi. Una volta raffreddati, si aprivano gli stampi e i pezzi passavano all’area della lavorazione meccanica, dove gli operai, affiancati da robot, trapanavano, tagliavano e fresavano i componenti fino a farli diventare strumenti lucidi, con tolleranze strette. Abbiamo notato che ogni pezzo era soggetto a ripetuti controlli sulla precisione. Era un lavoro pesante e sporco, tranne che nell’ambiente con l’aria condizionata, dove avvenivano l’ispezione finale e l’imballaggio. Nell’impianto si impiegavano lavoro manuale e robot, una combinazione che consentiva la flessibilità necessaria per produrre piccoli quantitativi per clienti diversi. Analogamente a quanto ci era stato detto nella fabbrica di carrozzerie per autobus, anche i funzionari di questa società hanno affermato che la situazione della produzione e delle vendite di auto in Brasile è pessima, ma loro stavano beneficiando delle esportazioni e delle vendite aftermarket.

Abbiamo anche cenato con i dirigenti di una società di autonoleggio. Questi ci hanno confermato l’impatto della svalutazione della moneta brasiliana e ci hanno detto che era in aumento il numero di turisti locali che preferivano visitare altre città in Brasile piuttosto che viaggiare all’estero. Tuttavia uno dei problemi che dovevano affrontare era che probabilmente le vendite delle auto usate sarebbero diventate più difficili, in quanto i fabbricanti di auto locali stanno vendendo le loro auto a prezzi più bassi ed è prevedibile un consolidamento nel settore. Quando li abbiamo interrogati sulla minaccia della concorrenza da parte delle società statunitensi, uno di loro ci ha detto: “Non è facile fare affari in Brasile! La concorrenza estera non ci spaventa”.

Il settore dei consumi è in difficoltà, ma sopravvive

Abbiamo incontrato anche i dirigenti di una grande società di prodotti alimentari. Sembrava una società ben gestita, ma un’ampia parte dei suoi costi erano in dollari statunitensi. Con la debolezza del real brasiliano e la crisi dei consumi che frenava la possibilità di alzare i prezzi, la società stava vivendo un anno difficile. L’avena è un ingrediente essenziale per molti dei loro prodotti, ma la valuta debole era a loro svantaggio, in quanto gran parte delle forniture doveva essere importata. La società sta cercando di mantenere i margini alzando lentamente i prezzi e ristrutturando gli impianti. I suoi funzionari ci hanno detto che sperano di aumentare le esportazioni, soprattutto verso gli Stati Uniti, puntando su prezzi concorrenziali in termini di valuta estera. Stanno anche considerando di acquisire altre società per guadagnare quote di mercato in questo mercato depresso, ma hanno riscontrato che la maggior parte delle società a cui miravano sono gruppi di proprietà familiare che si oppongono alle vendite e non hanno risentito troppo della fase negativa dell’economia brasiliana, non essendo eccessivamente indebitate.

I dirigenti di una società di bevande che abbiamo visitato ci hanno detto che l’attuale crisi brasiliana aveva dato alla società il tempo necessario per consolidare una parte delle operazioni e degli acquisti precedenti. Hanno affermato che le vendite di birra hanno tenuto meglio rispetto alle bevande analcoliche (un fenomeno che si verifica in generale in tutto il mondo nelle fasi di crisi economica) e le attività estere hanno avuto un certo effetto ammortizzatore. Quando abbiamo chiesto come vedessero la convenienza della birra in Brasile ci hanno detto che si stavano concentrando sulle vendite con vuoti a rendere nei supermercati—la birra in bottiglie di vetro che i consumatori restituiscono dopo l’uso ottenendo un rimborso del deposito pagato precedentemente. È una situazione vantaggiosa anche per i supermercati, in quanto il ritorno dei clienti porta un traffico maggiore nei punti vendita. Ciò nonostante, la società prevedeva che complessivamente sarebbe stato un anno difficile, dato il contesto macroeconomico negativo e il pericolo di un aumento delle imposte sulle vendite di birra in Stati con governi affamati, alla caccia di denaro. Hanno affermato che stanno cercando di collaborare trasversalmente all’interno del settore, per dimostrare che i governi potrebbero guadagnare di più se invece di alzare le imposte contassero su una crescita del volume di consumi.

Ancora nel settore dei consumi, siamo interessati ai prodotti per la cura personale. Il Brasile è un paese fortemente orientato alla moda e all’estetica e la sua industria di cosmetici, profumi e articoli da toeletta (CFT) è una delle maggiori al mondo. L’economia in crisi e l’aumento delle imposte hanno gravato su molte aziende in quest’area; nel 2015 il governo ha aumentato le imposte sui cosmetici e i prodotti per la cura personale, con effetti negativi che si sono ripercossi su tutto il settore. I funzionari di un’azienda che abbiamo visitato ci hanno anche detto che la concorrenza sul mercato è molto forte. La società si è tuttavia ampliata fuori dal Brasile, in paesi dell’America Latina con crescita più rapida e questo impegno ha portato maggiori frutti.

Al contempo, una società di prodotti farmaceutici e per la cura personale che abbiamo visitato in Brasile stava diversificando la sua linea di prodotti in nuove aree (compresi i cosmetici), allo scopo di ridurre i debiti in bilancio. Il mercato dei prodotti farmaceutici è molto concentrato in Brasile e circa il 65% delle vendite è nelle mani di 20 società. L’azienda riteneva di avere una posizione solida sul mercato e prevedeva un aumento delle vendite, ma l’intervento del governo sul prezzo dei prodotti costituiva un rischio.

In una catena di grandi magazzini, rivolti a una clientela a reddito medio-basso, ci hanno detto che le vendite in internet erano solide e l’offerta di abbigliamento all’ultima moda era molto popolare. I dirigenti hanno affermato di aver acquistato una società di consegne e di informatica perché lavorasse esclusivamente per loro, in modo da incrementare l’e-commerce e le consegne a domicilio. Parlando della loro attività in internet, ci hanno detto che in Brasile quasi tutte le società offrono gratuitamente le consegne entro cinque giorni, ma se il cliente vuole una consegna più rapida deve pagare un supplemento. La logistica legata alle consegne è quindi uno dei problemi che la società deve risolvere e gli utili sono diminuiti a causa degli elevati tassi d’interesse. Uno dei modi in cui la società sta cercando di mantenere i prezzi bassi per i clienti è facendo acquisti in quantità maggiori e tenendo le scorte in magazzino. Per migliorare l’efficienza dei controlli, la società ha introdotto un nuovo sistema informatico e prevede vari incentivi per ridurre l’avvicendamento del personale, compreso un sistema di bonus.

Nel settore finanziario, abbiamo visitato una società che svolge attività bancarie, di gestione patrimoniale e assicurazioni. Il sistema bancario brasiliano è fortemente concentrato e le banche controllate dal governo hanno una quota di mercato importante. I dirigenti della banca che abbiamo visitato ci hanno parlato dell’impatto della recessione in Brasile (la peggiore dagli anni Trenta) e della sua paralisi politica. Con una situazione così negativa in Brasile, non ci ha sorpreso apprendere che il rischio dei non-performing loan fosse aumentato. Tuttavia si nutrivano speranze in un cambiamento positivo nel governo con la prossima elezione presidenziale nel 2018—se non prima—e nonostante il contesto economico, la banca ha realizzato buoni risultati con l’aiuto di un portafoglio di prestiti prudente, spread di tassi d’interesse più alti, concorrenza favorevole, misure di tagli dei costi e buone commissioni.

Una delle maggiori ricchezze del Brasile: la gioventù

Vi è una forte richiesta di istruzione scolastica in Brasile in quanto il governo non è in grado di fornirla a una popolazione giovanile molto numerosa. Vi è stata quindi una rapida crescita di società commerciali nel settore dell’istruzione. Abbiamo visitato una di queste, che, così come altre del settore, ha dovuto confrontarsi con la cancellazione o la riduzione dei prestiti accordati dal governo agli studenti per pagare le rette delle scuole private. La società, grande e diversificata, ha sostenuto di essere in grado di superare le difficoltà attuali e di essere in una buona posizione per acquistare altre società. Il rischio principale continuava tuttavia a essere costituito dai cambiamenti della regolamentazione governativa. I dirigenti hanno affermato di essere riusciti a crescere anche con la rarefazione del programma di prestiti governativi e l’indebolimento delle condizioni macroeconomiche e i dirigenti della società erano orgogliosi di come stessero aiutando gli studenti a ottenere redditi più elevati dopo il completamento degli studi. Un direttore della società ci ha detto che c’era ancora spazio per una rapida espansione di nuovi campus e centri per la formazione online. Il criterio più importante per la valutazione della qualità nell’area dell’istruzione è la capacità di occupazione dopo il completamento degli studi. Hanno affermato che la concorrenza è a livello regionale, pertanto i grandi nomi nazionali non sono troppo importanti. La barriera principale all’ingresso nel settore è la regolamentazione. Il settore è regolamentato rigidamente e quasi tutte le aperture di nuovi istituti e corsi devono superare un lungo processo di approvazione da parte del Ministero dell’Istruzione brasiliano.

Per aiutare a vestire la gioventù alla moda del Brasile, abbiamo visitato un importante distributore di abbigliamento al dettaglio, che ha in programma il lancio di un nuovo marchio orientato all’atletica, destinato a una giovane clientela femminile. Come avevamo già sentito altrove, i dirigenti hanno affermato che l’attività continua ad essere messa alla prova dalla debolezza dell’economia, dalle pesanti imposte statali e dalla concorrenza. Qualche anno fa il governo brasiliano aveva offerto degli incentivi fiscali all’industria tessile, che impiega molta manodopera, sostituendo certe imposte sui salari con imposte sul valore aggiunto (IVA). Recentemente tuttavia questa misura è stata invertita, tornando al vecchio sistema delle imposte sui salari ed eliminando un vantaggio che altrimenti era considerato permanente. Anche la forte disoccupazione è stata un problema per la crescita delle vendite, ma la società ha trovato ancora delle opportunità per recuperare margini e vendite e vi è stata una buona possibilità di aumento delle vendite in internet.

Infrastrutture: costruire per il futuro

Le infrastrutture in Brasile devono migliorare, soprattutto in vista dei Giochi Olimpici Estivi che saranno ospitati dal paese nel 2016 e di cui parlerò in un prossimo commento. Uno dei modi in cui il governo sta cercando di far affluire gli investimenti in infrastrutture sono le concessioni nel settore privato ad aziende private. Per attirare le offerte, il governo sta finalmente ascoltando il settore privato, che ha chiesto tassi di rendimento più elevati affinché le concessioni siano più interessanti, in particolare per i porti commerciali e le linee ferroviarie. In Brasile il governo ha concesso a società private le licenze affinché si assumano il rischio legato alla costruzione di opere pubbliche o civili (quali strade a pedaggio, porti e altro) ma abbiano il diritto di riscuotere commissioni, allo scopo di ottenere un rendimento appropriato sull’investimento. Quasi tutti i progetti sono fattibili solo con finanziamenti a basso costo accordati dalla Banca per lo Sviluppo del Brasile (BNDEs) che ha distribuito circa 88 miliardi di dollari statunitensi con un programma di prestiti incentivati. Adesso tuttavia i problemi delle finanze statali potrebbero rendere difficile portare avanti questo programma.

A metà 2015 il governo aveva annunciato un piano di infrastrutture per svariati miliardi di dollari, per porti, aeroporti, ferrovie e strade. Questo piano comprendeva anche una linea ferroviaria che avrebbe collegato l’oceano Atlantico con l’oceano Pacifico, andando dal Brasile al Perù. Il problema sono chiaramente gli elevati tassi d’interesse del Brasile, che rendono difficile giustificare commercialmente tali progetti. Inoltre molti di essi erano concepiti per migliorare la logistica per l’esportazione di materie grezze e con il calo dei prezzi delle materie prime, quali il minerale di ferro, c’è da aspettarsi che la loro fattibilità sia messa in discussione. Recentemente il Brasile ha alzato le tariffe dell’elettricità, per rendere interessanti per il settore privato gli investimenti in servizi per la distribuzione pubblica di energia elettrica, ma la reazione degli investitori, frenati dalla forte volatilità politica e dalla svalutazione della valuta, è stata deludente.

Abbiamo incontrato i dirigenti di uno dei maggiori produttori di energia elettrica brasiliani, che opera anche fuori dal paese. In Brasile produce e distribuisce energia elettrica. Ci hanno detto che l’energia “verde” è importante; circa il 65% dell’energia in Brasile è generata da impianti idroelettrici, il 21% è energia termica e il 14% sono energie rinnovabili. Un grosso problema è rappresentato dai furti di energia—sostanzialmente gente che utilizza l’energia senza pagarla. Un aspetto essenziale per le aziende produttrici di energia elettrica è la differenza tra le vendite di energia contrattuali e le vendite nel mercato non regolamentato, a grandi clienti. In questo caso, l’azienda aveva finalizzato un contratto di lungo termine sul mercato a prezzi regolamentati con un importante distributore di energia alle abitazioni e ora deve dipendere dalle vendite sul mercato non regolamentato a grandi società, a prezzi più bassi.

São Paulo, Brazil
San Paolo, Brasile

Abbiamo visitato anche una grande società di parcheggi per auto, una delle più importanti dell’America Latina. La società si è affidata alla tecnologia per essere più efficiente, ad esempio con prenotazioni online, pagamenti in mobilità e una stanza di controllo centrale per il monitoraggio di tutti i siti. Negli ultimi anni la società ha ottenuto concessioni per aeroporti e varie municipalità. Uno dei problemi era il debito, in quanto il costo dei finanziamenti è andato aumentando e ha frenato il suo intento di acquistare altre concessioni nonché edifici per parcheggi auto.

Prospettive di lungo termine

Dopo aver visitato queste e altre società e parlato con dirigenti e responsabili, abbiamo imparato molto su come il malessere economico del paese abbia penalizzato gli affari. Abbiamo sentito parlare anche di problemi comuni a quasi tutti i settori, compresi gli alti tassi d’interesse/debito, le imposte pesanti e il timore di interventi statali o politici che non sostengano i proprietari di attività e gli investimenti esteri.

Il dibattito sull’eventuale permanenza in carica della Presidente Dilma Rousseff continua e non vi è alcun chiaro consenso sulla soluzione migliore affinché il paese possa andare avanti. Come abbiamo detto prima, il Brasile ha un grande potenziale di miglioramento per la sua situazione economica, ma, come molti, anche noi riteniamo che le politiche debbano cambiare. Non possiamo prevedere quando ciò succederà, quindi gli investitori devono essere pazienti. Benjamin Franklin dovrebbe aver detto una volta che la democrazia è come se due lupi e un agnello si sedessero per decidere che cosa mangiare a pranzo e la libertà è un agnello ben agguerrito per contestare tale voto. Lasciamo a voi decidere se e come ciò sia valido per il Brasile! Da parte nostra continuiamo a cercare opportunità d’investimento in Brasile e in effetti vediamo molte società con il potenziale per far fronte ai problemi attuali. Quando i brasiliani avranno iniziato a riportare ordine nella situazione interna del paese, gli investitori che hanno perso fiducia ritorneranno sicuramente.

Note Informative e Legali

I commenti, le opinioni e le analisi espressi nel presente articolo hanno finalità puramente informative e non devono essere considerati come una consulenza individuale in materia di investimenti né come una raccomandazione a investire in un titolo o ad adottare una strategia d’investimento. Le condizioni di mercato ed economiche sono passibili di rapidi cambiamenti, pertanto i commenti, le opinioni e le analisi si intendono resi alla data di questo post e sono soggetti a modifiche senza preavviso. Il materiale non intende costituire un’analisi completa di tutti i fatti rilevanti relativi a un paese, una regione, un mercato, un settore, un investimento o una strategia.

Importante informativa legale

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale.  Gli investimenti in titoli esteri comportano rischi particolari quali fluttuazioni dei cambi, instabilità economica e sviluppi politici. Gli investimenti nei mercati emergenti, un segmento dei quali è costituito dai mercati di frontiera, implicano rischi più accentuati connessi con gli stessi fattori, oltre a quelli associati alle dimensioni minori dei mercati in questione, ai volumi inferiori di liquidità e alla mancanza di strutture legali, politiche, economiche e sociali consolidate a supporto dei mercati mobiliari. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi contrassegnati con un asterisco sono obbligatori *