Investire nei Mercati Emergenti

Azioni

Dopo un inizio solido del trimestre, a settembre gli investitori preferiscono un approccio prudente

Gli approcci adottati dai mercati emergenti per far fronte al COVID-19 sono stati diversi, e attualmente non dappertutto la ripresa ha fatto progressi analoghi. Il nostro team azionario dei mercati emergenti esamina tendenze, notizie e dati che illustrano la situazione dei mercati emergenti nel terzo trimestre, e comunica gli ultimi aggiornamenti.

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo, Polacco

Tre fattori sui cui riflettere oggi

  1. Il Brasile è stato uno dei paesi colpiti più duramente dalla pandemia di COVID-19, classificandosi subito dopo gli Stati Uniti e l’India per il numero di contagi dichiarati. Ora tuttavia il numero di nuovi casi in Brasile comincia a scendere. Ironicamente, crediamo che la decisione del governo di non mettere l’intero paese in lockdown all’inizio della pandemia abbia ridotto la probabilità di una seconda ondata. L’ingente spesa governativa e la politica monetaria accomodante hanno contribuito a una certa stabilizzazione dell’economia. Inoltre, nonostante il “rumore” politico, il Brasile ha continuato a mettere in atto riforme fondamentali. Per quanto riguarda le opportunità d’investimento, siamo ancora favorevoli al settore finanziario, specialmente per le società fortemente esposte al mercato di capitale. È interessante notare la forte agenda di sostenibilità della borsa brasiliana, mentre i principi ambientali, sociali e di governance non solo sono implementati nella borsa stessa, bensì incoraggiati anche nel mercato azionario brasiliano in generale. Un altro tema entusiasmante è l’e-commerce, con numerosi grandi player in concorrenza nello spazio online. Così come in altri paesi, anche in Brasile la crisi del COVID-19 ha accelerato l’adozione delle vendite al dettaglio in internet. Nonostante le incertezze persistenti, la nostra opinione riguardo alle azioni brasiliane generalmente è positiva.
  2. La pandemia del COVID-19 ha messo in risalto l’importanza della sanità in Cina, rafforzando tendenze strutturali già esistenti che potrebbero trainare una nuova ondata di innovazione nel paese. Svariati fattori stanno dando impulso allo sviluppo di farmaci e dispositivi medici prodotti nel paese; tra questi il costante aumento della domanda di assistenza sanitaria, l’invecchiamento della popolazione, la crescita di malattie legate allo stile di vita e l’aumento del reddito, uniti agli sforzi governativi per irrobustire il sistema sanitario. Inoltre il ritorno in patria di un numero crescente di scienziati e imprenditori cinesi che hanno studiato e fatto esperienza all’estero crea un ricco pool di talenti nazionali. Vediamo un maggiore potenziale di lungo termine in produttori di farmaci innovativi con forti portafogli o pipeline di trattamenti, rispetto a società che producono farmaci generici con buone probabilità di pressioni sui prezzi dovute alle riforme governative. Certe società biotech cinesi hanno evidenziato una notevole rapidità nel portare sul mercato trattamenti innovativi. Anche società attive nell’outsourcing farmaceutico appaiono promettenti. Allo stesso tempo, vediamo esempi di innovazione anche nei produttori di dispositivi medici: fornitori nazionali leader, che partono già avvantaggiati sul piano dei costi rispetto al concorrenti esteri, e la cui crescita potrebbe essere incoraggiata da politiche governative mirate a sostenere la localizzazione. Riteniamo che queste società riflettano una nuova razza di imprese innovative che nei prossimi anni potrebbero trasformare i risultati dell’health care. Contemporaneamente a mercati di capitale fiorenti, politiche favorevoli e talenti motivati, sta potenzialmente prendendo forma un ecosistema vibrante.
  3. Il coinvolgimento con le società resta un elemento cruciale dell’investimento nei mercati emergenti (ME). Il miglioramento comportamentale delle società e una maggiore comprensione delle loro responsabilità nei confronti di tutti gli stakeholder sono sforzi sui quali continuiamo a puntare nella stewardship del capitale dei nostri clienti. Negli ultimi anni il tono del coinvolgimento nei mercati emergenti è cambiato: società che precedentemente adottavano un approccio ristretto e intransigente ai rendimenti stanno via adottando misure più accomodanti. In paesi quali Corea del Sud, Sudafrica e Brasile le società stanno dando maggiore importanza ai fattori ESG. Abbiamo visto società leader nella Corea del Sud scusarsi pubblicamente per passi falsi nella governance e gestire i loro bilanci più efficientemente tramite restituzioni di capitale agli azionisti. In certi paesi la reportistica ESG è diventata obbligatoria, e prevediamo che il trend continui altrove. Con la pandemia del COVID-19, la riflessione sui fattori ESG sta nuovamente cambiando, concentrandosi ppiù attentamente sull’impatto sociale delle politiche. Molti governi supportano l’occupazione, mentre le società sono più consapevoli dei rischi per la reputazione connessi ai icenziamenti. I fattori ESG sono diventati più importanti, con le società che li considerano critici per una performance sostenibile dell’attività. Secondo noi, questo “delta” di un miglioramento ESG nei mercati emergenti è un ulteriore elemento a favore delle prospettive secolari per l’asset class mentre il mondo riemerge da questa crisi.

Prospettive

Entrando nell’ultimo trimestre 2020, le aspettative del mercato sono rivolte a un progresso della normalizzazione, tuttavia con l’aumento dei casi di COVID-19 in Europa e in certi altri paesi del mondo, è evidente che il virus non sparirà. Di conseguenza, l’impostazione politica sembra destinata a mantenersi reattiva. Un aspetto positivo è che questi paesi non hanno registrato un corrispondente aumento della mortalità, grazie al miglioramento delle terapie e all’estensione dei test che rivelano casi asintomatici. Nonostante un lockdown tra i più rigorosi e ampi del mondo, l’India non ha potuto prevenire negli ultimi tempi un drastico aumento dei casi di COVID-19 e ha supe-rato il Brasile per numero di casi, subentrando al secondo posto dopo gli Stati Uniti. Considerando tuttavia che la mortalità è stata contenuta, con un netto calo dei decessi giornalieri dopo il picco, l’aumento dei contagi non ha arrestato la riapertura dell’economia indiana.

Prevediamo che l’attuale contesto politico, economico e di mercato persisterà nei mercati emergenti fino a che non sarà possibile procedere a vaccinazioni di massa o si otterrà un’immunità di gregge, con risultati ed esiti ampiamente variabili tra i paesi. In queste circostanze, è probabile che una ripresa sarà molto più lenta (realizzandosi in tempi molto più lunghi) e volatile (per reazione alla politica stop-start) rispetto ai drastici cali che si erano verificati all’inizio dell’anno. Le spese governative sono già state enormi, ma molte attività continuano a chiudere a causa dei lockdown e della ristrutturazione di economie dovute ad altre politiche.

Le relazioni tra Stati Uniti e Cina sono andate costantemente peggiorando e la battaglia politica in vista delle elezioni presiden-ziali statunitensi potrebbe portare a un aumento di rumor e svi-luppi politici negativi temporanei. Il mercato potrebbe continuare ad essere volatile, soprattutto nel caso di risultati elettorali contro-versi. Comunque sia, prevediamo che entrambi i candidati politici degli Stati Uniti manterranno la pressione sulla Cina. Prevediamo anche che l’attuale conflitto sino-statunitense nel campo commerciale e tecnologico continuerà ad esercitare una pressione sulle catene di fornitura, portando a una maggiore localizzazione e reshoring.

Informatica e servizi di comunicazione sono stati settori eccezio-nalmente resilienti, una tendenza che prevediamo destinata a persistere nel contesto attuale. La leadership e la crescita dei mercati emergenti secondo noi resteranno invariate in varie aree, per esempio i semiconduttori, i giochi online e l’impiego della tecnologia wireless di quinta generazione (5G).

Sviluppi e tendenze dominanti nei mercati emergenti

In un trimestre volatile, le azioni dei ME sono salite fino a superare i titoli dei mercati sviluppati. Svolte al rialzo dell’economia post-lockdown, costanti politiche accomodanti e progresso nelle sperimen-tazioni di vaccini contro il coronavirus hanno alimentato un rally iniziale, che tuttavia è svanito con i nuovi focolai di COVID-19 e l’inasprimento delle tensioni sino-statunitensi in vista delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Le valute dei ME si sono generalmente rafforzate rispetto al dollaro statunitense. L’indice MSCI Emerging Markets ha guadagnato il 9,7% nel trimestre, mentre l’indice MCSI World ha reso l’8,0%, entrambi in dollari statunitensi.1

Gli eventi più importanti nei mercati emergenti durante il terzo trimestre 2020

Le azioni dell’Asia emergente sono state decisamente più brillanti rispetto al resto dei mercati emergenti, con un forte progresso nel trimestre. A Taiwan, in India, nella Corea del Sud e in Cina le quotazioni dei mercati sono salite rapidamente, sostenute dal forte interesse degli investitori per i titoli tecnologici più importanti. In India, i risultati societari migliori del previsto hanno a loro volta protetto il mercato dalla diffusione sostenuta del COVID-19. La ripresa economica della Cina si è ampliata, tuttavia l’inaspri-mento delle restrizioni imposte dagli Stati Uniti contro le società tecnologiche cinesi ha invitato alla prudenza. In Thailandia e nelle Filippine i titoli azionari sono scesi, controcorrente rispetto ai trend regionali. Dimissioni del governo e proteste antigovernative in Thailandia hanno alimentato l’incertezza politica. L’Indonesia ha reintrodotto nella capitale restrizioni agli spostamenti per contrastare l’aumento delle infezioni di COVID-19.

Le azioni dell’America Latina hanno subito cali generalizzati nel trimestre, nonostante un solido mese di luglio, a causa tra l’altro di un indebolimento delle valute locali. Il rumore politico e i dati del prodotto interno lordo (PIL) del secondo trimestre peggiori del previsto hanno pesato sul sentiment nel mercato brasiliano. Il governo ha inoltre comunicato la prima fase della propria riforma amministrativa ed esteso l’aiuto di emergenza mensile a sostegno di chi ha risentito delle misure di lockdown, mentre la banca centrale ha abbassato il tasso d’interesse di riferimento a un minimo record del 2,0%. Il Messico, tuttavia, ha chiuso il trimestre con rendimenti positivi, ampiamente dovuti a un rafforzamento del peso. La Banca Centrale del Messico ha inoltre tagliato dello 0,75% il tasso d’interesse di riferimento, facendo scendere il costo dei prestiti al livello più basso degli ultimi quattro anni. Una ripartenza graduale dell’attività economica e una ripresa delle previsioni degli affari hanno sostenuto la fiducia nelle azioni peruviane.

Nella regione Europa, Medio Oriente e Africa, i mercati europei hanno sottoperformato i peer del Medio Oriente e africani, a causa di un aumento dei nuovi casi di COVID-19 che ha portato a un inasprimento delle misure di quarantena in varie economie europee. Il calo dei prezzi del petrolio, preoccupazioni geopolitiche e deprezzamento del rublo hanno annullato i benefici dello sviluppo di un vaccino per il COVID-19 e di dati del PIL per il secondo trimestre migliori del previsto, facendo scendere le azioni russe. In altre parti del mondo, il governo del Sudafrica ha continuato ad allentare le restrizioni legate al COVID-19, aprendo il paese ai viaggi domestici, con piani per una ripresa dei viaggi internazionali a ottobre. La banca centrale ha tagli-ato dello 0,25% il tasso d’interesse di riferimento, che a luglio è sceso al minimo storico del 3,5%, lasciandolo poi invariato nella riunione di settembre.

Prospettive regionali

Consulta la mappa cliccando su ogni singolo paese per leggere l’aggiornamento di mercato ed il nostro sentiment
Verde=positivo, Rosso=negativo, Blu=neutrale
Il grafico riflette i pareri di Franklin Templeton Emerging Markets Equity relativamente a ciascuna regione e sono aggiornati su base trimestrale. Tutti i punti di vista riflettono unicamente
i pareri e le opinioni di Franklin Templeton Emerging Markets Equity. Non rappresentativo di un conto o portafoglio effettivo.

Prospettive regionali Periodo di 3 mesi chiuso il 30 settembre 2020
ISO Code Nazione Sentiment Score Opinion
CN Cina 0.5 Le condizioni dell’economia resteranno prevedibilmente deboli e tormentate anche con una stabilizzazione del COVID-19, considerando che continua ad essere una questione di portata globale. Tuttavia, la risposta politica del governo attenuerà probabilmente il suo impatto. Se non vi saranno nuove ondate, sembra che la Cina potrebbe recuperare per prima. In generale, siamo convinti che la Cina molto probabilmente emergerà rafforzata da questa crisi.
IN India 0.5 Fondamentali di lungo periodo, inclusi sotto-penetrazione del mercato, formalizzazione dell’economia ed un governo stabile, rimangono intatti. Tuttavia, l’inflazione strutturalmente contenuta e il potenziale miglioramento dei profitti aziendali sono controbilanciati da un rallentamento della crescita economica e dalle revisioni negative degli utili.
ID Indonesia 0 Le prospettive per i prossimi 12 mesi rimangono incerte. Il governo si è affrettato a riaprire l’economia nonostante l’aumento dei contagi da COVID-19 e dei decessi. Gli sforzi di contenimento dal COVID-19 in Indonesia sono tra i più deboli della regione ASEAN e anche il programma di stimoli del governo è risultato lento e inefficace.
KR Corea del Sud 0.5 Gli indicatori macro sono costantemente peggiorati a causa della pandemia del COVID-19, ma con la sua sparizione prevediamo una normalizzazione della situazione. Tuttavia, l’acuirsi delle preoccupazioni per le normative governative
e l’intensificarsi delle tensioni geopolitiche con la Corea del Nord meritano estrema attenzione.
TH Thailandia 0 Sebbene le prospettive interne di breve termine alla riapertura dell’economia appaiano migliori rispetto agli altri paesi ASEAN, persiste un pessimismo generale dovuto ai fattori seguenti: i) deboli prospettive del commercio globale; ii) calo degli arrivi turistici; iii) mancanza di investimenti privati per stimolare i consumi interni; iv) incertezze politiche.
TW Taiwan 0.5 Le prospettive di breve termine sono ancora negative, considerando il rallentamento dell’economia globale dovuto alla pandemia di COVID-19. Nonostante il parziale accordo commerciale raggiunto fra gli Stati Uniti e la Cina, prevediamo il protrarsi delle questioni commerciali che contrappongono i due paesi. Delle restrizioni imposte a Huawei risente anche la catena di fornitura, alla quale partecipano molte aziende tecnologiche taiwanesi. Le prospettive a medio e lungo termine, tuttavia, rimangono positive, data la diffusione del 5G e l’accelerazione della delocalizzazione della produzione dalla Cina.
PL Polonia 0.5 Le politiche che includono un maggiore protezionismo, normative e imposte destano preoccupazione. Economicamente, la contrazione del PIL nel 2020 sarà prevedibilmente tra le più moderate dell’Unione Europea.
CZ Repubblica Ceca 0.5 Pur essendo uno dei paesi più stabili dell’Europa orientale e dei mercati emergenti, il mercato di capitale della Repubblica Ceca non è molto ampio e le opportunità d’investimento sono limitate. La sua economia è integrata con quella della Germania, trainata dalle esportazioni; una ripresa pertanto dipende a sua volta da quel mercato, che al momento
è in difficoltà.
HU Ungheria 0.5 In quanto economia aperta con forti esportazioni, l’economia ungherese è integrata con quella della Germania, trainata dalle esportazioni; una ripresa pertanto dipende a sua volta da quel mercato, che al momento è in difficoltà.
RU Russia 1 In un contesto di stabilità dei prezzi del petrolio e del rublo, le società dovrebbero beneficiare delle revisioni degli utili
e dei migliori rendimenti azionari. La situazione politica dovrebbe rimanere stabile visto che le prossime elezioni presiden-ziali sono programmate nel 2024. Permangono tuttavia rischi macroeconomici elevati, a causa dei prezzi volatili delle materie prime, delle tensioni commerciali fra Stati Uniti e Cina e della possibilità di ulteriori sanzioni da parte degli
Stati Uniti/dell’Unione Europea. Nel complesso, manteniamo una visione positiva in quanto i tassi d’interesse storica-mente bassi in Russia dovrebbero aumentare gli investimenti locali nel mercato azionario. Tuttavia, le preoccupazioni riguardo al COVID-19 continuano a influenzare il sentiment di mercato.
PE Peru 0.5 La volatilità politica ha frenato la ripresa economica del Perù, distogliendo l’attenzione dalla spesa governativa e l’investimento in infrastrutture. Ciò nonostante, la fiducia degli affari è salita dal 35,0 di luglio al 38,0 di agosto, considerando che negli ultimi mesi le aziende hanno continuato a reagire positivamente all’allentamento delle misure di lockdown. L’indicatore resta tuttavia decisamente sotto la soglia di 50 punti, la linea di demarcazione tra pessimismo e ottimismo delle aziende. Le aziende hanno riportato guadagni generalizzati ad agosto, con un miglioramento delle opinioni relative al loro settore, domanda futura per
i loro prodotti e situazione finanziaria. La produzione del rame in Perù è tornata a ~100% del livelli normalizzati a luglio vs ~60% a maggio e ~90% a giugno.
BR Brasile 0.5 La pandemia del COVID-19 avrà probabilmente un impatto durevole sull’economia del Brasile. La velocità e la forza della ripresa dipenderanno dalla capacità del governo di riprendere le sue ambiziose riforme economiche, che dovrebbero fungere da base per una crescita economica più sostenuta nel tempo e offrire un contesto economico migliore per le società.
I tassi d’interesse bassi dovrebbero continuare a guidare i flussi interni verso le azioni.
MX Messico 0.5 Il Messico ha un’economia aperta (più di un terzo del PIL) fortemente esposta agli Stati Uniti (il paese di destinazione di più del 70% delle esportazioni). La durata delle interruzioni dovute alle restrizioni dei flussi per contenere i contagi da COVID-19 determinerà la gravità del rallentamento. Inoltre il Messico ha un alto livello di economia informale, che risentirà di restrizioni a servizi che hanno sofferto per la quarantena.
QA Qatar 0.5 L’attività correlata ai preparativi per FIFA 2022 e l’ampliamento della produzione LNG costituiscono una tesi di crescita
e aumento degli utili per i prossimi 3-4 anni. Le abbondanti riserve del paese e un basso punto di breakeven del bilancio petrolifero offrono al Qatar una solida stabilità in periodi di tendenza al calo.
KW Kuwait 0.5 Il Kuwait vanta un solido bilancio, ma un ritardo nella riforma e nell’emanazione della legge sul debito potrebbe erodere le finanze pubbliche. Il PIL non legato al petrolio è alquanto protetto, considerando che quasi tutti i cittadini del Kuwait lavorano alle dipendenze del governo. L’inclusione nell’indice MSCI EM a fine novembre dovrebbe sostenere società
a grande capitalizzazione.
SA Arabia Saudita 0 Le prospettive non sono rosee e restano ancorate alla risalita dei prezzi del petrolio e agli sviluppi riguardanti il COVID-19. Le consistenti riserve valutarie e gli asset del FIP (fondo di investimento pubblico) offrono un certo sollievo.
AE EAU 0.5 Il mercato azionario è meno costoso dei pari MENA, ma le prospettive macro sono deludenti. Inoltre il mercato azionario
è già abbondantemente di proprietà estera, per cui difficilmente potrà esserci una revisione del rating nel breve termine.
EG Egitto 0.5 Ci aspettiamo che la crescita rimanga positiva e si rafforzi gradualmente, mentre la spesa voluttuaria potrebbe continuare a patire. Osserviamo una flessione dell’inflazione con scarso rischio di aumenti dei tassi e prevediamo una stabilità persistente generale della valuta. Una fonte importante di valuta estera è il turismo, per cui un suo arresto è un rischio fondamentale per il futuro.
KE Kenya 0.5 Le prospettive iniziano a migliorare, con quella che sembra una ripresa più rapida dell’attività economica.
NG Nigeria 0 Il rischio di un ulteriore indebolimento delle valutazioni è ancora elevato, mentre una debolezza del contesto politico
e macroeconomico non è favorevole alle azioni.
ZA Sudafrica 0 Le prospettive restano negative. Il periodo post-COVID-19 mostra una ripresa più lunga, con il mercato in attesa di linee guida chiare riguardo al deficit di bilancio e la capacità del governo di rimediare alla debole crescita dell’economia.

Informazioni legali importanti

Avvertenze: Prima dell’adesione leggere il Prospetto informativo e il Documento Informativo Chiave per gli Investitori.

Questo materiale è destinato esclusivamente a scopi di interesse generale e non deve essere interpretato come una consulenza di investimento individuale o una raccomandazione o sollecitazione ad acquistare, vendere o detenere titoli o ad adottare qualsiasi strategia di investimento. Non costituisce una consulenza legale o fiscale.

Le opinioni espresse sono quelle del gestore degli investimenti e i commenti, le opinioni e le analisi sono resi come alla data di pubblicazione e può cambiare senza preavviso. Le informazioni fornite in questo materiale non sono intese come analisi completa di ogni fatto materiale relativo a qualsiasi paese, regione o mercato. Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita di capitale. I dati provenienti da fonti di terze parti potrebbero essere stati utilizzati nella preparazione di questo materiale e Franklin Templeton (“FT”) non ha verificato, convalidato o verificato in modo indipendente tali dati. FT non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita derivante dall’uso di queste informazioni e l’affidamento ai commenti e alle opinioni e analisi di questo materiale è a discrezione dell’utente.

Prodotti, servizi e informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti al di fuori degli Stati Uniti da altri FT affiliati e / o i loro distributori secondo le leggi e le normative locali. Si prega di consultare un professionista degli investimenti o contatto istituzionale Franklin Templeton per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella tua giurisdizione.

Pubblicato da Franklin Templeton International Services S.à r.l. Succursale Italiana – Corso Italia, 1 – 20122 Milano – Tel: +39 0285459 1- Fax: +39 0285459 222

Quali sono i rischi?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali. Gli investimenti esteri comportano rischi particolari quali fluttuazioni dei cambi, instabilità economica e sviluppi politici; gli investimenti nei mercati emergenti implicano rischi accentuati legati agli stessi fattori. Nella misura in cui una strategia si concentra di volta in volta su particolari paesi, regioni, industrie, settori o tipi di investimento, può essere soggetta a un rischio più elevato di sviluppi negativi in tali aree di focalizzazione rispetto a una strategia che investe in una gamma più ampia di paesi, regioni, industrie, settori o investimenti.

______________________________________________

1. Fonte: MSCI. L’indice MSCI Emerging Markets rappresenta le società ad alta e media capitalizzazione in 24 mercati emergenti. L’Indice MSCI Europe è una rappresentazione delle performance delle società ad alta e media capitalizzazione in 23 mercati sviluppati. Gli indici non sono gestiti e non è possibile investire direttamente in un indice. Non tengono conto di commissioni, spese od oneri di vendita. La performance del passato non costituisce un’indicazione o una garanzia di risultati futuri. MSCI non rilascia alcuna garanzia e non si assume alcuna responsabilità in merito ai dati MSCI riprodotti nel presente documento. Non è consentita alcuna forma di ulteriore ridistribuzione o utilizzo. La presente relazione non è redatta o sponsorizzata da MSCI. Importanti comunicazioni del fornitore dei dati e i termini sono disponibili alla pagina www.franklintempletondatasources.com.

Leave a reply

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi contrassegnati con un asterisco sono obbligatori *